L'angolo Dei Lettori

Lo scrigno


Sono un enorme scrigno, in metallo, chiuso a chiave.
Mille lucchetti, tutti diversi.
Strati di resistentissimi materiali mi proteggono.
Sono enorme, senza fessure.
Sono bella, lucente.
Vorresti aprirmi, vorrei aprirmi anche io, vorrei scrutarmi.
Cosa ci sarà dentro?
Sono così imponente, ci sarà forse dell’oro?
Argento?
Di sicuro qualcosa di grande, di forte, di importante.
Non sono di nessuno, nemmeno mia.
Chi mi ha chiuso a chiave?
Chi ha nascosto le chiavi?
IO non lo so, però a volte cercano di aprirmi.
Rimango esterrefatta, quando mi accorgo che
qualcuno ha delle chiavi.
Tre o quattro lucchetti vengono forzati,
altri vengono aperti con le rispettive chiavi
ma dove le prendono? Io non le ho.
Non posso richiuderli, me li rubano.
Sento freddo.
Arriva del venticello da una fessura.
Una fessura!
Qualcuno potrebbe sbirciarci dentro.
Io non ci arrivo, troppo piccola e lontana.
Cosa c’è? Dimmelo tu che hai aperto!
Ma no, non si vede nulla, è talmente piccola.
Ho paura, ho freddo, chiudi per favore.
Dammi le chiavi.
Accidenti, stanno entrando degli insetti.
Delle formiche.
Perché? Ci sarà del cibo?
Chissà che c’è dentro.
Io avevo freddo e mi sono ammalata.
Avevo paura e ho pianto.
Sono scappati tutti. Ho comprato dei lucchetti nuovi.
Ed ecco lo scrigno ben chiuso come prima.
Io non volevo che scappaste, vi ho intimorito?
Sono di nuovo lucente ora, forte e sicura.
Duro metallo, senza fessure ora.
Ma..
..sola.
Era forse meglio essere sbirciata?
Non lo so.
Si stava bene in compagnia.
Mi facevano il solletico mentre cercavano di aprire i lucchetti.
A volte ridevo.
Ma poi sentivo freddo.
Chissà se mi sarei abituata a quella temperatura, a quella fessura sempre aperta?
Chissà se sarebbe piaciuto il contenuto a me e agli altri?
Le formiche sono scappate, anche loro.
Hanno mangiucchiato qualcosa, perché mi sento più vuota di prima.
Hanno portato via qualcosa
che non riavrò mai più’.
E’ sempre così,
quando forzano i lucchetti rubano sempre qualcosa.
Non so bene cosa, quindi non posso riaverla.
Sento solo una sensazione di leggerezza e di incompletezza.
Poi passa, mi abituo, ma rafforzo i lucchetti.
Per far si che non succeda un altra volta.
Eppure succederà sempre.
Puoi mettere un miliardo di lucchetti.
Ma arriverà prima o poi qualcuno che con facilità
e maestria
o con un semplice sguardo
sbloccherà di colpo ogni serratura
arrivando dentro lo scrigno
e trovando quel qualcosa
che sino a quel momento non conoscevi nemmeno tu.
Magari farà razzie, come le formiche tempo addietro
e tu resterai vuota e senza più nemmeno uno straccio di lucchetto
è un rischio..
..magari invece
resterà estasiato dal tesoro che vedrà
talmente estasiato che
deciderà di entrare
e non andare più via.

Francesca Pinna

8 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Possiamo aiutarti? Invia una mail a:

emotionletter09134@gmail.com